Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello) protagonista alla Bmta di Paestum La Città di Salerno

Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello) è stato tra i protagonisti della 25esima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico che si è chiusa ieri all’ex Tabacchificio a Capaccio Paestum. Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello) ha infatti partecipato con un proprio stand espositivo e ha curato due convegni che si sono svolti nella giornata di venerdì, ma anche tante iniziative che si sono tenute nei giorni seguenti.

Ecco tutte le iniziative con protagonista il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello)

Nell’ambito della 3a Conferenza UNESCO sull’Archeologia subacquea, il primo convegno ha avuto per titolo: “Identità e profondità culturali nel patrimonio archeologico mediterraneo” con la partecipazione della ministra degli Affari culturali della Tunisia, Hayet Guettat Guermazi; il secondo, in collaborazione con Fondazione Brescia Musei: “La Capitale è servita. Il contributo della Capitale italiana della Cultura 2023 al rilancio del patrimonio artistico e archeologico bresciano”.

Il giorno successivo, sabato, dopo l’introduzione del professore Salvatore Sica, consigliere giuridico del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, Alfonso Andria presidente del Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello) ha coordinato e concluso la tavola rotonda sul tema “Parchi e Musei statali autonomi e Fondazioni: modelli di gestione del patrimonio archeologico a confronto”. Nel pomeriggio, in presenza della ministra tunisina, si è poi l‘incontro con il presidente emerito del Pontificio Consiglio della Cultura Cardinale Gianfranco Ravasi, che ha tenuto una “lectio” sul valore dei Beni Culturali nei territori interessati da conflitti bellici. A lui è stato conferito il Premio “Paestum Mario Napoli” 2023.

Infine nella mattinata di chiusura, domenica, la partecipazione alla conferenza per la celebrazione dei 25esimo anniversario del riconoscimento UNESCO a “I paesaggi culturali del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni con i siti archeologici di Paestum e Velia e con la Certosa di Padula”. «Congratulazioni al direttore della BMTA, Ugo Picarelli, per la grande capacità di coinvolgimento, il solido impianto del programma di eventi e di convegni, l’impeccabile organizzazione», ha sottolineato in una nota Alfonso Andria.

L’articolo Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello) protagonista alla Bmta di Paestum proviene da La Città di Salerno.

Read More La Città di Salerno 

Print Friendly, PDF & Email

36total visits,1visits today